Patti, Finale Italia-Svizzera

Italia Svizzera2

Beach soccer al top in una location, Patti Marina, destinata a diventare una tappa fondamentale nella storia del calcio sulla sabbia. Un pubblico straordinario è stato l’autentico grande protagonista di un quadrangolare che ha esaltato la rappresentativa elvetica, vincitrice sugli Azzurri per 6-5 dopo un incontro sempre in bilico, ma che ha fornito al tempo stesso un marchio di qualità a un’organizzazione esemplare. Ogni particolare è stato curato nei minimi dettagli e se è vero che nel catino della “Summer Beach Arena” non sono mancati i contenuti, sempre molto elevati, di carattere tecnico, è altrettanto vero che proprio la capacità professionale e l’entusiasmo dell’Associazione culturale Pattese hanno conferito all’evento i caratteri dell’eccezionalità.
Già nel corso delle semifinali la Svizzera aveva posto in evidenza non soltanto la caratura dei singoli (Lustrinelli e Ziegler in particolare) ma anche la compattezza del blocco squadra, qualità queste che in finale hanno fatto la differenza nei confronti di una squadra italiana che ha subito nel finale la fisicità degli avversari. Va detto in ogni caso che la Svizzera ha legittimato il risultato esibendo una condotta di gara esemplare grazie a giocatori sempre molto concentrati, sempre in grado di rispondere colpo su colpo alle iniziative degli Azzurri.
Gennaro Del Vecchio ha rappresentato il cardine della manovra italiana giostrando alla sua maniera, con generosità, nel vivo dell’azione e contribuendo in larga misura alle marcature con una splendida tripletta. Del solito Belardinelli e di Di Michele gli altri gol. Da parte elvetica invece, due doppiette ad opera di Ziegler e Zeqiraj con una rete a testa da ascrivere a Lustrinelli e Caputo.
Svizzera-Italia 6-5
ITALIA: Pelizzoli; Cudini, Verrini, Del Vecchio, Belardinelli, Gumina, Di Livio, Ganz, Di Michele, Lorusso. All. Iorio.
SVIZZERA: Palumbo; Ziegler, Rivolta, Zequiraj, Maissen, Caputo, Jaggi, Lustrinelli, Del Santo, Jung. All.: Andreani.
MARCATORI: Del Vecchio (3), Belardinelli, Di Michele, Ziegler (2), Zeqiraj (2), Lustrinelli, Caputo.
ARBITRO: Ferrario (Gargiulo-Vezzosi)
Nella finale per il terzo e quarto posto tra Brasile e Argentina è salito in cattedra un grande Dimas, che ha messo a segno tutte e cinque le reti della vittoria carioca (5-3) meritando ampiamente il premio riservato al miglior giocatore del torneo. L’Argentina ha opposto una orgogliosa resistenza ma il Brasile ha confermato in ogni caso la propria attitudine a un gioco forse a tratti poco pratico ma sicuramente ricco di colpi spettacolari.
Brasile-Argentina 5-3
BRASILE: Balbi; Andreaki, Arthur Cassandra, Guillerme Carmago, Mortas, Pascal Mietto, Dimas. All.: Giavarra.
ARGENTINA: Caffieri; Lautaro Fernandes, Pignatta, Garbini, Pereira, Ientile, Giuggioloni. All.: Cocozza.
MARCATORI: Giuggioloni, Dimas (5), Lautaro Fernandes, Giuggioloni (2).
ARBITRO: Vezzosi (Barbaro-Gargiulo).

Italia Svizzera